Domenica 5 Giugno 2022 - PENTECOSTE e festa di SAN PIETRO martire

Domenica 5 Giugno 2022 -  PENTECOSTE  e festa di SAN PIETRO martire - Fate discepoli tutti i popoli

 

La Liturgia della DOMENICA 

 accompagni tutta la nostra settimana 

 

Antifona d'ingresso

Lo Spirito del Signore riempie l’universo;

egli, che tutto abbraccia,
conosce ogni linguaggio. Alleluia. (Cf. Sap 1,7)

Colletta

O Dio, che nel mistero della Pentecoste

santifichi la tua Chiesa
in ogni popolo e nazione,
diffondi sino ai confini della terra i doni dello Spirito Santo,
e rinnova anche oggi nel cuore dei credenti
i prodigi che nella tua bontà
hai operato agli inizi della predicazione del Vangelo.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.  

 

 


 


 Preghiera del nostro Sinodo: diocesano nazionale e mondiale

 (Adsumus Sancte Spiritus) 

                                         Siamo davanti a Te, Spirito Santo,

  mentre ci riuniamo nel Tuo nome.

 Con Te solo a guidarci, fa’ che tu sia di casa nei nostri cuori.

 Insegnaci la via da seguire e come dobbiamo percorrerla.

 

Siamo deboli e peccatori;

 non lasciare che promuoviamo il disordine.

 Non lasciare che l’ignoranza ci porti sulla strada sbagliata

né che la parzialità influenzi le nostre azioni.

 

Fa’ che troviamo in Te la nostra unità

affinché possiamo camminare insieme

verso la vita eterna

 e non ci allontaniamo dalla via della verità

e da ciò che è giusto.

 

Tutto questo chiediamo a te, che sei all’opera in ogni luogo e in ogni tempo,

nella comunione del Padre e del Figlio, nei secoli dei secoli.

 Amen. 


 

Preghiamo per la pace.  NON ABITUIAMOCI ALLE notizie DI GUERRA    

 Perdonaci la guerra, Signore. 

Signore Gesù Cristo, Figlio di Dio, abbi misericordia di noi peccatori. R) Abbi pietà di noi!

Signore Gesù, nato sotto le bombe di Kiev.  R)

Signore Gesù, morto in braccio alla mamma in un bunker di Kharkiv. R) 

Signore Gesù, mandato ventenne al fronte. R)

 Signore Gesù, che vedi ancora le mani armate all’ombra della tua croce!  R)

 Perdonaci Signore, perdonaci, se non contenti dei chiodi con i quali trafiggemmo la tua mano, continuiamo ad abbeverarci al sangue dei morti dilaniati dalle armi. R)

 Perdonaci, se queste mani che avevi creato per custodire,

 si sono trasformate in strumenti di morte.  R)

 Perdonaci, Signore, se continuiamo ad uccidere nostro fratello, perdonaci 

 se continuiamo come Caino a togliere le pietre dal nostro campo per uccidere Abele. R)

 Perdonaci, se continuiamo a giustificare con la nostra fatica la crudeltà, se con il nostro dolore legittimiamo l’efferatezza dei nostri gesti.  R)

 Perdonaci la guerra, Signore. Perdonaci la guerra, Signore.R)

Signore Gesù Cristo, Figlio di Dio, ti imploriamo! Ferma la mano di Caino!  R)

 Illumina la nostra coscienza, non sia fatta la nostra volontà, non abbandonarci al nostro agire!  R)

 Fermaci, Signore, fermaci!  R)

 E quando avrai fermato la mano di Caino, abbi cura anche di lui. È nostro fratello. R)

 O Signore, poni un freno alla violenza! R)

 Fermaci, Signore!  R)                Amen.    Amen.

 

Manda il tuo Spirito, Signore, a rinnovare la terra.

Manda il tuo Spirito, Signore,  a rinnovare la terra. - Fate discepoli tutti i popoli

PRIMA LETTURA 

 

 (At 2,1-11)

Mentre stava compiendosi il giorno della Pentecoste,

si trovavano tutti insieme nello stesso luogo.

Venne all’improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso,

e riempì tutta la casa dove stavano.

Apparvero loro lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posarono su ciascuno di loro, e tutti furono colmati di Spirito Santo

e cominciarono a parlare in altre lingue,

nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi.
 

 

Abitavano allora a Gerusalemme Giudei osservanti, di ogni nazione che è sotto il cielo.

A quel rumore, la folla si radunò e rimase turbata,

perché ciascuno li udiva parlare nella propria lingua.

Erano stupiti e, fuori di sé per la meraviglia, dicevano:

«Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei?

E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa?

Siamo Parti, Medi, Elamìti; abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell’Asia, della Frigia e della Panfìlia,

dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirene,

Romani qui residenti, Giudei e proséliti, Cretesi e Arabi,

 

e li udiamo parlare nelle nostre lingue

delle grandi opere di Dio». 

 Parola di Dio

 

 SALMO RESPONSORIALE 

 (Sal 103)

Rit: Manda il tuo Spirito, Signore,

a rinnovare la terra.  

Benedici il Signore, anima mia!

Sei tanto grande, Signore, mio Dio!
Quante sono le tue opere, Signore!
Le hai fatte tutte con saggezza;
la terra è piena delle tue creature.

Togli loro il respiro: muoiono,
e ritornano nella loro polvere.
Mandi il tuo spirito, sono creati,
e rinnovi la faccia della terra.

Sia per sempre la gloria del Signore;
gioisca il Signore delle sue opere.
A lui sia gradito il mio canto,
io gioirò nel Signore.  

 

prendiamo parte alle sue sofferenze per partecipare anche alla sua gloria

prendiamo parte alle sue sofferenze  per partecipare anche alla sua gloria - Fate discepoli tutti i popoli

SECONDA LETTURA

  (Rm 8,8-17)

 

Fratelli, quelli che si lasciano dominare dalla carne

non possono piacere a Dio.

Voi però non siete sotto il dominio della carne, ma dello Spirito,

dal momento che lo Spirito di Dio abita in voi.

Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene.

 
Ora, se Cristo è in voi, il vostro corpo è morto per il peccato,

ma lo Spirito è vita per la giustizia.

E se lo Spirito di Dio, che ha risuscitato Gesù dai morti, abita in voi,

colui che ha risuscitato Cristo dai morti

darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi.

 


Così dunque, fratelli, noi siamo debitori non verso la carne,

per vivere secondo i desideri carnali,

perché, se vivete secondo la carne,

morirete.

Se, invece, mediante lo Spirito

fate morire le opere del corpo,

vivrete.

 

 

Infatti tutti quelli che sono guidati dallo Spirito di Dio,

questi sono figli di Dio.
E voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi

per ricadere nella paura,

ma avete ricevuto lo Spirito che rende

figli adottivi,

per mezzo del quale gridiamo:

«Abbà! Padre!».

Lo Spirito stesso, insieme al nostro spirito, attesta che siamo figli di Dio.

E se siamo figli, siamo anche eredi:

eredi di Dio,

coeredi di Cristo,

se davvero prendiamo parte alle sue sofferenze

per partecipare anche alla sua gloria.  

Parola di Dio  

 

SEQUENZA

 
Vieni, Santo Spirito,
manda a noi dal cielo
un raggio della tua luce.

Vieni, padre dei poveri,
vieni, datore dei doni,
vieni, luce dei cuori.

Consolatore perfetto,
ospite dolce dell'anima,
dolcissimo sollievo.

Nella fatica, riposo,
nella calura, riparo,
nel pianto, conforto.

O luce beatissima,
invadi nell'intimo
il cuore dei tuoi fedeli.

Senza la tua forza,
nulla è nell'uomo,
nulla senza colpa.

Lava ciò che è sórdido,
bagna ciò che è árido,
sana ciò che sánguina.

Piega ciò che è rigido,
scalda ciò che è gelido,
drizza ciò che è sviato.

Dona ai tuoi fedeli,
che solo in te confidano
i tuoi santi doni.

Dona virtù e premio,
dona morte santa,
dona gioia eterna.

Amen.

lui

lui - Fate discepoli tutti i popoli

Canto al Vangelo 

 Alleluia, alleluia.
Vieni, Santo Spirito,
riempi i cuori dei tuoi fedeli
e accendi in essi il fuoco del tuo amore.
Alleluia.  

 

   †   VANGELO  

 

 (Gv 14,15-16.23-26)
  

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Se mi amate, osserverete i miei comandamenti;

e io pregherò il Padre ed egli

vi darà un altro Paràclito

perché rimanga con voi per sempre.
 

Se uno mi ama, osserverà la mia parola

e il Padre mio lo amerà

e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui.

Chi non mi ama, non osserva le mie parole;

e la parola che voi ascoltate non è mia,

ma del Padre che mi ha mandato.
 

 

Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi.

Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome,

lui

vi insegnerà ogni cosa

e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto».
 

Parola del Signore  

resti sempre vivo il dono dello Spirito Santo che abbiamo ricevuto

resti sempre vivo il dono dello Spirito Santo che abbiamo ricevuto - Fate discepoli tutti i popoli

Preghiera sulle offerte 

Manda, o Padre,
lo Spirito Santo promesso dal tuo Figlio,
perché riveli pienamente ai nostri cuori
il mistero di questo sacrificio
e ci apra alla conoscenza della verità tutta intera.
Per Cristo nostro Signore.

 

 PREFAZIO 

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Oggi hai portato a compimento il mistero pasquale,
e su coloro che hai reso figli di adozione in Cristo tuo Figlio
hai effuso lo Spirito Santo,
che agli albori della Chiesa nascente
ha rivelato a tutti i popoli il mistero nascosto nei secoli
e ha riunito i linguaggi della famiglia umana
nella professione dell’unica fede.
Per questo mistero,
nella pienezza della gioia pasquale,
l’umanità esulta su tutta la terra
e con l’assemblea degli angeli e dei santi
canta senza fine l’inno della tua gloria:     
  Santo, ...

      Antifona di comunione

Tutti furono ripieni di Spirito Santo
e proclamavano le grandi opere di Dio. Alleluia. (At 2,4.11)

 Preghiera dopo la comunione

O Dio, che doni alla tua Chiesa

la comunione ai beni del cielo,
custodisci in noi la tua grazia,
perché resti sempre vivo il dono dello Spirito Santo
che abbiamo ricevuto
e questo cibo spirituale giovi alla nostra salvezza.
Per Cristo nostro Signore.

 

 

  

HOME

     

 

Lui Vive - GIOVANI - Francesco

 

Dentro la Parola

 

Varano

 

Nel Nome

Nel Nome - Fate discepoli tutti i popoli

del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

La Diocesi Ancona-Osimo

La Diocesi Ancona-Osimo - Fate discepoli tutti i popoli

Cammino Sinodale 21-25

Cammino Sinodale 21-25 - Fate discepoli tutti i popoli

fino al Giubileo 2025

Giubileo della MISERICORDIA

Giubileo della MISERICORDIA - Fate discepoli tutti i popoli

Un anno senza rancore

Convegno Marchigiano 2013

Naviganti sempre

Naviganti sempre - Fate discepoli tutti i popoli

Fate discepoli tutti i popoli

SINODALITA'